ALIF

Anterior Lumbar Intersomatic Fusion
Alif: Impianto

Tecnica chirurgica mini invasiva che permette di ottenere la fusione tra i corpi vertebrali (artrodesi intersomatica) mediante una piccola incisione anteriore in regione sottombelicale.

I vantaggi consistono in un’invasività molto ridotta, nella rapidità dell’intervento (circa 60 minuti) e nella altrettanto rapida ripresa funzionale postoperatoria: il paziente è in grado di alzarsi e deambulare il giorno successivo l’intervento.

In alcuni casi la procedura viene completata mediante il posizionamento percutaneo di viti peduncolari per via posteriore, come nel caso illustrato.

La dimissione avviene in tre o quattro giorni.

La principale possibile complicazione di questa procedura consiste nella lesione del plesso sacrale che produce nel sesso maschile un’alterazione dell’espulsione dello sperma chiamata eiaculazione retrograda (dunque non impotenza) che può comportare la sterilità. Si stima che si verifichi in 1 caso su 100 ed ha dunque una probabilità molto bassa. E’ possibile procedere preventivamente alla crioconservazione del seme. Questo tema viene discusso ed approfondito in sede di visita medica preoperatoria. (Vedere sezione Chirurgia indicazioni ed appropriatezza)